Vicenza, la Basilica Palladiana

Andrea Palladio, la Basilica e la sua storia

Scopri la Basilica Palladiana

La Basilica di Andrea Palladio

DOVE SI TROVA : Piazza dei Signori, Vicenza VI
APERTURA AL PUBBLICO:
Fino al 13 aprile 2020: tutti i giorni dalle 10 alle 13 e dalle 13.30 alle 18;
Dal 14 aprile 2020: dalle 10 alle 14
Sabato, domenica e festivi: dalle 10 alle 14

Per maggiori informazioni e/o prenotazioni consultare il sito ufficiale.

scorcio della Basilica di Andrea Palladio

Un po' di Storia della Basilica Palladiana

Il simbolo indiscusso della città di Vicenza è senza dubbio la Basilica Palladiana, un capolavoro assoluto di architettura e inserita dall'Unesco nella lista dei beni patrimonio dell’umanità nel 1994.

Quest'opera, anche se prende il nome di basilica, non ha niente a che fare con la fede e la religine, infatti è l'antico palazzo della ragione, cioè "basilica" ai tempi dell'antica Roma, ed era uindi il luogo dove si amministrava la città e si svolgevano gli affari.

Vicenza è quindi caratterizzata da molte oper del Palladio, dal famoso teatro olimpico fino all' altrettanto famosissima Villa Almerico Capra, conosciuta meglio in tutto il mondo con il nome "La Rotonda".
Andrea Palladio (1508 - 1580), nato in realtà a Padova, progettava edifici cercando di richiamare quelli dell'antichità greca e romana, ed una caratteristica della basilica di Andrea Palladio sono le logge, dette anche logge palladiane.

Ad Andrea Palladio fu affidato il compito di restaurare l'edificio del '400, restauro che fu richiesto a partire dal 1496 dopo un crollo, ma nonostante i vari progetti presentati l'ok ai lavori fu dato solo nel 1546, cioè 50 anni dopo, al progetto presentato appunto da Andrea Palladio. L'idea del Palladio di rivestire il palazzo con logge in pietra di Piovene fu ben accolta, ed esso realizzò le logge in due strutture sovrapposte, con moduli ripetitivi chiamati "serliane", moduli che poterono dare all'intera opera non solo bellezza a maestosità ma anche una forte solidità.

Per sua sfortuna però, Andrea Palladio non vide mai la conclusione dei lavori di restauro, fece in tempo a vedere prima di morire solo il loggiato inferiore, mentre il loggiato superiore fu finito nel 1597 e i lavori sul retro, quello che da su piazza delle erbe, terminarono nel 1614.

logge della Basilica - Andrea Palladio La basilica Palladiana ha poi subito ulteriori restauri, soprattutto strutturali, uno de quali per forza di cose avvenne alla fine della seconda guerra mondiale, dopo che la città aveva subito dei bombardamenti. In quel caso fu ricostruita la volta a carena.

Un altra ristrutturazione molto recente è stata fatta negli anni tra il 2007 ed il 2012, ed in particolare il restauro posò l'attenzione sulle strutture decorative, sia interne ed esterne, cola la loro pulizia (sbiancamento) e consolidamento.
Inoltre venne restaurata la copertura sostituendo gli archi in cemento armato posti dopo la seconda guerra mondiale con più eleganti travi in legno, tra l'altro più adatti oscillazioni e vibrazioni.

La basilica fu poi riaperta nell'ottobre del 2012, in concomitanza dell'apertura della mostra "Raffaello verso Picasso", e due anni dopo è diventata Monumento Nazionale.

Basilica palladiana Vicenza - Andrea Palladio

Teatro-Olimpico-Palladio-Vicenza
Palazzo-Chiericati-Vicenza

Palazzo Chiericati

Altra opera del Palladio importante della città
scopri di più su Palazzo Chiericati!


Villa-Rotonda-Palladio-Vicenza

Villa La Rotonda

Villa Almerico Capra, meglio conosciuta come la Rotonda, uno dei capollavori del Palladio.
scopri di più su Villa La Rotonda!